Siti contaminati

I siti contaminati sono il risultato di uno smaltimento improprio dei rifiuti che, se penetrati nel terreno e nel sottosuolo, continuano a inquinare l’ambiente e costituiscono un pericolo per la salute pubblica.

Per la Svizzera, Paese densamente popolato, i siti contaminati rappresentano un problema. Molti siti inquinati si trovano nelle immediate vicinanze di falde sotterranee sensibili. I costi per risanare tutti i siti contaminati sono molto ingenti.

La Confederazione e i Cantoni si adoperano per non lasciare in eredità alle generazioni future siti contaminati pericolosi.

La legge sulla protezione dell’ambiente obbliga i Cantoni ad allestire un catasto dei siti inquinati (CSIN). Si opera una distinzione tra:

  • siti inquinati che non hanno effetti dannosi o molesti sull’ambiente;
  • siti inquinati che possono avere effetti dannosi e che pertanto devono essere controllati;
  • siti inquinati che a causa degli effetti dannosi attesi o già subentrati devono essere sorvegliati o risanati. I siti inquinati che devono essere risanati sono siti contaminati ai sensi della legge.

In Svizzera i siti inquinati censiti sono circa 38 000, di cui probabilmente 4000 sono siti contaminati che devono essere risanati. Circa 1000 di questi siti sono già stati risanati. Entro il 2025 dovranno essere terminati tutti gli accertamenti ed entro il 2040 dovranno essere risanati tutti i siti contaminati.

I catasti dei siti inquinati sono pubblicati in Internet. Per maggiori informazioni consultare il sito:

https://www.bafu.admin.ch/bafu/it/home/temi/siti-contaminati/siti-contaminati--informazioni-per-gli-specialisti/gestione-dei-siti-contaminati/stato-della-gestione-dei-siti-inquinati-in-svizzera/catasti-cantonali-e-federali-online.html


Fascicoli


Gruppi di lavoro